Allegati:
Scarica questo file (Locandina open day 2019.pdf)Locandina open day 2019.pdf[ ]890 kB

La classe IIIB dell'indirizzo socio-economico ha svolto il suo percorso di PCTO a.s. 2019 2020 partecipando alla seconda edizione del "Settima Arte Festival". Per una settimana gli studenti si sono recati presso Orio Center e sotto la guida di un tutor, video maker professionista, hanno progettato, diretto e interpretato un cortometraggio. Il 30 novembre hanno presentato, insieme ad altre cinque classi di diversi Istituti, il loro prodotto in una sala dell'UCI cinema di Orio Center. In questa occasione hanno ricevuto dalla giuria una menzione speciale per la migliore regia .

Leggi articolo L'ECO DI BERGAMO  "Settima Arte Festival"

pcto3b_1
pcto3b_1 pcto3b_1
pcto3b_2
pcto3b_2 pcto3b_2
pcto3b_3
pcto3b_3 pcto3b_3
pcto3b_4
pcto3b_4 pcto3b_4

 

Trailer

 

La Notte Bianca del Liceo economico sociale  è una iniziativa che unisce a distanza tutti i Licei di indirizzo economico sociale. Sarà una serata animata da tutta la comunità scolastica che, in modo alternativo e innovativo, fa scuola con gli studenti protagonisti dell'attività didattica. La scuola intende aprirsi al territorio trattando temi economici, finanziari e sociali. 

La serata organizzata dai Licei di indirizzo economico sociale per l'anno scolastico 2019/2020 ha come argomento centrale l'obiettivo 11 dell' Agenda Globale del 2030: "Città e Comunità sostenibili". 
 
 
 
Allegati:
Scarica questo file (Locandina Notte bianca Economico.pdf)Locandina[ ]7199 kB

Sabato 16 novembre 2019 il Liceo Don L. Milani ha ospitato Domenico Piraina per una conferenza sull'arte metafisica e l'opera di de Chirico.

Gli studenti delle classi quinte hanno partecipato all'approfondimento in preparazione alla visita alla mostra su de Chirico a Palazzo Reale.

 

Chi è Domenico Piraina 

E' il Direttore di Palazzo Reale a Milano, oltre che il dirigente del Servizio Polo Mostre e Musei Scientifici del comune di Milano.

 

Abstract della conferenza

L'enigma della realtà

L’importanza dell’osservare, l’instaurazione di un dialogo personale con l’opera e la soggettività interpretativa. Sono questi i principali temi affrontati sabato 16 novembre dal dottor Domenico Piraina, direttore di Palazzo Reale di Milano, che nel teatro Rivellini di Romano di Lombardia ha ricevuto le classi quinte del liceo Don Lorenzo Milani per introdurre la mostra “de Chirico” in esposizione dal 25.09.2019 al 19.01.2020 a Palazzo Reale.

Tra note biografiche del Pictor Optimus e retroscena organizzativi, il direttore ha invitato ad allenare l’occhio ad osservare. Quella di de Chirico è una pittura enigmatica che vuole rappresentare la metafisica di Nietzsche. La metafisica che si occupa della realtà, di cercare il senso immanente ed imminente delle cose nelle cose stesse. Ed è proprio questo quello che de Chirico rappresenta nelle sue opere, un chiaro e dichiarato riferimento al famoso filosofo con il quale condivideva la visione del mondo. Visione facilmente comprensibile nei quadri grazie alle prospettive ed ai piani che aiutano la mente a riordinare quello che l’occhio riceve come caos.

La mostra inoltre dona una nuova percezione dell’autore. Non solo metafisica ma anche tante altre correnti che spaziano tra varie epoche e diversi pittori in de Chirico, che si auto identificava come trasversale (e superiore) a tutti i periodi e tutti gli artisti passati.

Osservato da Picasso e ispiratore di Wahrol, de Chirico è tra i pittori più influenti e innovatori del ‘900, nelle sue opere risiedono grandi enigmi, enigmi ai quali è possibile trovare una risposta solo nell’enigma, solo grazie all’occhio, solo, come il dottor Piraina disse, osservando.

 

 
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
de Chirico
de Chirico de Chirico
 
 

E’ stato un vero e proprio viaggio nella storia, un “Erasmus di un anno in una settimana”, quello a cui hanno preso parte 20 studenti di diverse classi quarte del nostro istituto, accompagnati dalle prof.sse Lucia Giulia Fassini e Cristina Rossi. Il progetto ha visto coinvolti anche gli studenti dell’ISIS Zenale e Butinone di Treviglio e del Liceo G. Galilei di Caravaggio, e ha ricevuto il patrocinio del Comune di Romano di Lombardia.

Il viaggio ha ripercorso le principali tappe che hanno portato, dopo la prima guerra mondiale, all’affermarsi del totalitarismo nazista fino alla nascita, nel secondo dopoguerra, del progetto di Unità Europea come garanzia della pace fra i popoli.

Quest’esperienza è stata occasione di incontro con i luoghi della storia, ma anche di scambio e relazione fra gli studenti delle diverse scuole e con le guide che li hanno accompagnati. La visita al Parlamento Europeo è stata spunto di riflessione sul nostro tempo e sull’importanza della partecipazione democratica. Oltre alla formazione iniziale, il progetto proseguirà, nell’ottica della peer education e del service learning, con una restituzione degli studenti coinvolti alle proprie classi, all’istituto e alla cittadinanza.

Queste le tappe del viaggio:

  • Monaco: luogo del putsch di Adolf Hitler nel 1923 e della repressione del gruppo della Rosa Bianca (1942-43) – visita al campo di concentramento di Dachau;
  • Berlino: visita al Museo Ebraico, al museo Topografia del Terrore, sorto sulle rovine della sede della Gestapo, al memoriale dell’Olocausto, ai luoghi simbolo della guerra fredda (Checkpoint Charlie, Muro di Berlino)
  • Norimberga: visita al Palazzo di giustizia sede del processo di Norimberga; visita all’area dei raduni del partito nazionalsocialista tedesco (Tribuna Zeppelin e Palazzo dei Congressi)
  • Strasburgo: visita alla sede del Parlamento Europeo.

Un ringraziamento speciale a: Alessia B., Alessia C., Alice, Andrea, Beatrice, Chiara, Cristian, Daniel, Eneda, Gaia, Gianluca, Irene, Maddalena, Martina, Michela, Miriam, Silvia, Sofia, Valentina e Vanessa.

 
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa