E’ stato un vero e proprio viaggio nella storia, un “Erasmus di un anno in una settimana”, quello a cui hanno preso parte 20 studenti di diverse classi quarte del nostro istituto, accompagnati dalle prof.sse Lucia Giulia Fassini e Cristina Rossi. Il progetto ha visto coinvolti anche gli studenti dell’ISIS Zenale e Butinone di Treviglio e del Liceo G. Galilei di Caravaggio, e ha ricevuto il patrocinio del Comune di Romano di Lombardia.

Il viaggio ha ripercorso le principali tappe che hanno portato, dopo la prima guerra mondiale, all’affermarsi del totalitarismo nazista fino alla nascita, nel secondo dopoguerra, del progetto di Unità Europea come garanzia della pace fra i popoli.

Quest’esperienza è stata occasione di incontro con i luoghi della storia, ma anche di scambio e relazione fra gli studenti delle diverse scuole e con le guide che li hanno accompagnati. La visita al Parlamento Europeo è stata spunto di riflessione sul nostro tempo e sull’importanza della partecipazione democratica. Oltre alla formazione iniziale, il progetto proseguirà, nell’ottica della peer education e del service learning, con una restituzione degli studenti coinvolti alle proprie classi, all’istituto e alla cittadinanza.

Queste le tappe del viaggio:

  • Monaco: luogo del putsch di Adolf Hitler nel 1923 e della repressione del gruppo della Rosa Bianca (1942-43) – visita al campo di concentramento di Dachau;
  • Berlino: visita al Museo Ebraico, al museo Topografia del Terrore, sorto sulle rovine della sede della Gestapo, al memoriale dell’Olocausto, ai luoghi simbolo della guerra fredda (Checkpoint Charlie, Muro di Berlino)
  • Norimberga: visita al Palazzo di giustizia sede del processo di Norimberga; visita all’area dei raduni del partito nazionalsocialista tedesco (Tribuna Zeppelin e Palazzo dei Congressi)
  • Strasburgo: visita alla sede del Parlamento Europeo.

Un ringraziamento speciale a: Alessia B., Alessia C., Alice, Andrea, Beatrice, Chiara, Cristian, Daniel, Eneda, Gaia, Gianluca, Irene, Maddalena, Martina, Michela, Miriam, Silvia, Sofia, Valentina e Vanessa.

 
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa
ViaggioinEuropa ViaggioinEuropa